PARLARE DI SOSTENIBILITÀ: UNA NUOVA GENERAZIONE DI IDEE SI FA SPAZIO di Anna Chiara Nicoli

di Redazione Borgo News

Giunto alla sua sesta edizione, il Festival dello sviluppo sostenibile, organizzato a livello nazionale dall’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASviS), si articola in una ricca manifestazione di eventi, ricompresi in 17 giorni, che si concluderà il 20 di ottobre. Diciassette giorni quanti sono i goals dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile – la cui conoscenza, diffusione e realizzazione rimangono lo scopo principale del festival. Come illustrato durante la conferenza stampa nazionale da Marcella Mallen, presidente dell’ASviS, l’ultimo triennio ha portato ad una crisi globale, a diversi livelli, che rischia di adombrare il percorso comunitario avviato con l’Agenda 2030, e lo stesso concetto di sostenibilità; proprio per questo motivo occorre «allargare lo sguardo, aprirsi al confronto» per pensare al futuro. Il titolo di questa edizione è infatti, non a caso, “Una nuova generazione di idee si fa spazio”.

Oltre alle iniziative nazionali, il festival si è arricchito, negli anni, di molteplici eventi dislocati sui territori locali. Ne è un esempio proprio Parma, che ha ospitato in questi giorni, nel complesso di San Paolo, lo startup weekend, dal titolo: “Eppur s’innova: la rivoluzione copernicana delle startup sostenibili: è l’uomo che deve girare intorno alla economia o l’economia intorno all’uomo?”. Obbiettivo dello startup weekend è stato quello di stimolare la partecipazione dei cittadini più giovani, che hanno potuto esporre le loro idee imprenditoriali, improntate all’innovazione e alla sostenibilità. Trai progetti presentati si può citare “Iunctus”, un’idea nata da un team di studenti dell’università di Parma, che ha come obbiettivo quello di promuovere la biodiversità nel mercato agroalimentare, creando una rete tra gli agricoltori, i consumatori e i “custodi della biodiversità”. Ancora, gli studenti della scuola Carlo Emilio Gadda hanno presentato quattro progetti sviluppati nel corso degli anni, tra cui può annoverarsi, a titolo esemplificativo, un indumento da lavoro capace di scaldarsi e raffreddarsi secondo le necessità, tramite un sistema basato su power bank solare.

Nel corso del fine settimana sono stati inoltre organizzati una serie di laboratori aperti a tutti i giovani del territorio, gestiti da esperti del settore, con lo scopo di trasformare idee di impresa in progetti concreti; a tal proposito si è ricorso anche a workshops utilizzati a livello internazionale come “The beer game”, ideato dal MIT per imparare la trasmissione delle informazioni in sistema economici complessi. Intorno allo spazio centrale dell’iniziativa, dedicato alla ricerca e all’innovazione giovanile, si sono svolti anche altri incontri – in un’ottica di scambio intergenerazionale e quanto più possibile allargato alla società civile – come la presentazione del libro “Guida galattica per nonne e nonni del terzo millennio – come affrontare le sfide del futuro insieme ai nipoti” dello scrittore Mattia Mascher. Inoltre, all’interno del Laboratorio Aperto del complesso di San Paolo, è visitabile, gratuitamente, la mostra “Gusto! Gli italiani a tavola. 1970-2050” che indaga le trasformazioni della cucina italiana, lasciando ai visitatori interessanti domande per il futuro, concernenti, in particolare, la sostenibilità alimentare. Ne è un esempio l’infografica dedicata agli “spaghetti del futuro”, all’interno della quale ci si interroga su quali sfide – in termini, ad esempio, di acqua e di consumo di risorse – potrà incontrare il piatto più famoso della penisola.

La sostenibilità – il filo rosso del Festival – diventa quindi chiave di lettura per il tempo presente e lente di indagine per quello futuro. Sostenibilità non solo come concetto ma come necessità a tutto tondo, che, oggi più che mai, anche sull’esempio dello startup weekend, richiederebbe la creazione di spazi dove consentire ai giovani l’emersione di quella nuova generazione di idee fondamentali per uno sviluppo equo e dignitoso per tutti.

 

 

Dall'ultimo numero di BorgoNews