Tira su il morale vedere una cinquantina di giovani che hanno deciso di aderire ad un veloce viaggio a Roma (è vero che Roma è una meta sempre attrattiva!) dal titolo “I luoghi delle Istituzioni – fra contemporaneità e mores maiorum”. Sono state due intense giornate passate dentro al Senato ed alla Camera dei Deputati, in colloqui con i Parlamentari di Parma (sen Pagliari, on. Maestri e Romanini, molto disponibili, fino alle 11 di sera), con visita al Panteon, con soste a Palazzo Chigi ed all’Altare della Patria, sotto al Campidoglio, ecc.

 

Ha fatto piacere vedere giovani discutere sul tematiche politiche legate alla cittadinanza, fare squadra con osservazioni intelligenti, indignarsi amaramente di fronte alla mancanza di rispetto reciproco fra i Senatori, durante la seduta parlamentare, e chiedere a gran voce rispetto verso il Senato come istituzione. Ha fatto piacere anche la disponibilità e l’intelligente attenzione  dei nostri Parlamentari parmensi che hanno voluto, con tutti i rischi ben noti, sentirsi partecipi del progetto e del dibattito. Era un piccolo gruppo ma ha lasciato capire che anche a Parma e nella nostra società ci sono tanti giovani pronti e disponibili ad investire nel futuro, non solo nel futuro personale ma nell’impegno per un futuro migliore per tutti. E’ un percorso non facile, perché la velocità della odierna comunicazione non corrisponde alla velocità dei “vorrei” e rischia di affondare la fiducia nella progettualità che esige tempi diversi e percorsi più complessi.

Anche da parte mia un grazie al Presidente de Il Borgo che ha voluto questo progetto, a quanti dirigono e collaborano nel LAB. Un augurio di speranza e coraggio ai giovani che hanno scelto di giocarsi una parte del loro tempo e del loro impegno per una sfida molto complessa e difficile, ma non impossibile, che esige comunque una forte preparazione e molta costanza.

Eugenio Caggiati