Venerdi 12 alle ore 18 è andato in onda sul canale you-tube dell’Associazione il Borgo l’incontro sul tema della transizione energetica e l’ambiente urbano con Ospite Gianni Silvestrini in dialogo con Lorenzo Frattini. Gianni Silvestrini , direttore scientifico di Kyoto Club e di Quale Energia importanti riviste scientifiche sul tema delle energie sostenibili, prima ricercatore in diverse Università italiane e straniere e poi dal 2000 consulente per piani strategici del ministero dell’Ambiente e di quello dell’Economia sulla diffusione delle energie green e sostenibili, nonché sugli impatti del clima sull’ambiente urbano, con progetti di grande impatto sul accelerazione delle tecnologie sostenibili, ha dialogato con Lorenzo Frattini, Ingegnere ambientale e attuale Presidente di Lega Ambiente dell’Emilia Romagna. L’incontro si è sviluppato partendo da una presentazione di Silvestrini con dati molto aggiornati in merito agli impatti sul pianeta di uno sviluppo che negli ultimi anni ha visto un intensificarsi del tema della riduzione degli impatti sull’ambiente e della grande velocità in cui le tecnologie green stanno già producendo miglioramenti sull’ambiente urbano. La strada è ancora lunga ma c’è fiducia che con questa velocità di miglioramento si possano raggiungere gli impegni per il 2030/2050 a che il mondo ci richiede. Le linee su cui s può incidere anche a livello locale per facilitare e velocizzare la transizione energetica sono state evidenziate nelle seguenti: favorire l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture pubbliche e private, e sostizione delle attrezzature per la produzione del calore d sistemi che utilizzano le energie fossili con quelle elettriche (C02=0 , implementazioni ed ammodernamenti delle reti elettriche e digitali, premiare i comportamenti virtuosi dei cittadini e delle imprese con incentivi o riduzione della fiscalità, diffusione nella città di colonnine per la ricarica elettrica di mezzi di trasporto in particolare le auto con conseguenza diffusione del car sharing; incremento delle piste ciclabili, ma soprattutto aiutare la cittadinanza ad avvalersi degli strumenti anche già in atto ( ecobonus, sismabonus, superbonus 110%) con luoghi pubblici di diffusione della cultura ambientale onde disseminare capillarmente le informazioni anche attraverso l’istituzione di gazebo informativi e di luoghi di assistenza tecnico-amministrativa come già in atto i diversi comuni italiani. Dall’incontro sono emersi anche provvedimenti appena attuati, ad esempio dalla regione Emilia Romagna e da alcuni comuni emiliani, nonché provvedimenti nazionali ed europei che prossimamente favoriranno ulteriormente la transizione.