Tradizione e correttezza richiedono che, in caso di elezione di un nuovo Presidente de “Il Borgo”, spetti a lui l’onore e l’onere di scrivere l’articolo di apertura della newsletter successiva alla sua nomina, “spodestando” così almeno per una volta il Direttore. Nel caso di questa newsletter, però, che esce qualche giorno dopo l’assemblea dei soci che ha eletto i nuovi vertici dell’associazione, il Direttore (uscente) e il Presidente (entrante)  sono la stessa persona… e quindi la firma di questo editoriale non cambia, anche se naturalmente il contenuto non può che essere diverso.

Sempre tradizione vuole che, all’inizio del suo mandato, piccolo o grande che sia, chi è chiamato a compiti di “governo” esponga il suo programma. In questo caso, anziché la consueta promessa di grandi cambiamenti,  l’obiettivo del Presidente entrante  è, al contrario, quello di mantenere quell’elevata qualità di riflessione, di contenuti, di dialogo che “Il Borgo” ha saputo conquistare e consolidare nella sua pluridecennale storia, naturalmente – e qui magari un pizzico di cambiamento è necessario – adeguandoli ai nuovi tempi e alle sfide della società contemporanea. In questo senso sarà necessario coinvolgere maggiormente le giovani generazioni, che, come dimostrano le tante manifestazioni che li vedono protagonisti, sembrano aver riscoperto il gusto per l’impegno e la passione per la “cosa pubblica”. Così come pare opportuna, anche se le modalità sono tutte da definire, una maggiore capacità di comunicare con l’opinione pubblica, che, confusa da tanti messaggi ingannevoli e  tendenziosi, ha oggi particolarmente bisogno di una comunicazione seria, qualificata e competente. Infine, tradizione esige anche che vengano ringraziati sia il Presidente uscente per il lavoro svolto che i componenti dell’Assemblea per la fiducia accordata a quello entrante. Ma stavolta non vi è nulla di formale o di dovuto nel ringraziamento a Giuseppe Luciani, che in questi anni si è speso in modo encomiabile (e – va detto subito – inimitabile) per “Il Borgo” organizzando e promuovendo decine di iniziative sempre molto partecipate e di alto, talvolta altissimo, livello. Per quanto riguarda poi i ringraziamenti agli iscritti  essi si mescolano al “rimprovero” per aver affidato a chi scrive un fardello niente affatto leggero  e che solo con la collaborazione di tutti potrà essere portato con la necessaria energia e competenza.

Ma, tornando (per l’ultima volta) nei “panni” di Direttore della newsletter, questa è anche l‘occasione in cui prendere congedo dai lettori e ringraziarli per l’attenzione e la simpatia con cui questi anni hanno seguito un “prodotto” certo molto artigianale e con tanti difetti, ma – almeno nelle intenzioni – interessante e confezionato con passione. Al nuovo Direttore, che verrà designato nelle prossime settimane, il compito di migliorarlo; e  a tutti i lettori, ai quali diamo appuntamento al 2020 con la “nuova” newsletter, i migliori auguri di Buone feste .