Proprio un anno fa, come gruppo “Il Concilio Vaticano II davanti a noi” ci trovavamo nella Chiesa di Ognissanti per un incontro di preghiera e riflessione in vista del Conclave, per mettere a fuoco insieme attese e proposte per una chiesa rinnovata, raccolte poi in una lettera inviata al Papa.

Erano allora giorni tristi e cupi per la nostra chiesa, scossa dalle vicende vaticane del “corvo”, delle lotte intestine, degli scandali dei pedofili, dalle trame oscure sullo Ior, che avevano provocato con dolore ma grande coraggio le dimissioni di Papa Benedetto XVI.
Poi l’irruzione nella Chiesa, nel mondo e nei nostri cuori di Papa Francesco, con i suoi gesti ispirati a grande umanità e sobrietà, le parole con cui traduce il Vangelo con il linguaggio semplice di un parroco, le sue Omelia ogni giorno a Santa Marta e la pubblicazione della sua prima enciclica “Evangelii gaudium”, ed ancora le scelte coraggiose a Lampedusa, ad Assisi, con l’inizio di una concreta collegialità nella gestione della Chiesa, la consultazione di tutti i fedeli in vista del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, il Concistoro con la nomina di nuovi Cardinali dalle periferie del mondo. Ha conquistato tutti, anche e soprattutto i non credenti, con la sua vicinanza, con i suoi abbracci, i gesti di amicizia, quando mette i suoi occhi negli occhi di chi incontra, dei suoi, ma soprattutto ha ridato a tanti la speranza facendoci conoscere la misericordia di Dio.
Abbiamo ritrovato nelle azioni e nelle parole di Papa Francesco la stretta continuità con il Concilio Vaticano II e con le intuizioni profetiche di Giovanni XXIII e non a caso il suo segretario Mons.Capovilla, pur nonagenario, è stato nominato Cardinale. Si sta avverando per la Chiesa quanto aveva auspicato il Cardinal Martini che venisse tolto lo strato di cenere per scoprire le braci del Vangelo. Con Papa Francesco la Chiesa sta avviandosi ad una nuova primavera.
Ed è questo il titolo del Convegno, che dopo un anno di pontificato abbiamo pensato di organizzare sabato 22 marzo alle ore 17,30 nella sala delle missioni estere. Sarà con noi Cettina Militello, una teologa conosciuta che conosce bene tutti gli aspetti del mondo ecclesiale perché esperta e insegnante di ecclesiologia mariologia, teologia del laicato alle Università di Roma e di Palermo. Ci condurrà in un bilancio di questo primo anno del pontificato, tema che ha recentemente trattato su riviste di pastorale e teologia. L’ incontro sarà preparato da un momento di preghiera e ringraziamento per il dono di Papa Francesco proprio il giorno 13 marzo, anniversario della sua elezione, alla messa delle 18,30 nella chiesa di Ognissanti di Via Bixio.
Graziano Vallisneri