“Il modello emiliano…è, in breve, un’organizzazione della vita economica che ha saputo combinare efficienza ed equità, crescita e coesione sociale.

Nell’avviare alcuni anni orsono, un progetto di ricerca su questo “modello”, ci è parso appropriato aggiungervi una esplicita menzione alle “metamorfosi” in atto, Che cosa si intende con questo sostantivo nella lingua italiana? Si intende “la trasformazione, e in particolare la trasformazione di un essere o di un oggetto in un altro di natura diversa”. Un ‘indagine sulla profondità e sull’ampiezza della trasformazione in atto è ciò che ci siamo proposti con questo progetto.

Era un tempo nel quale la gravissima crisi finanziaria mondiale che il mondo avrebbe conosciuto dal settembre 2006 – e che sta ancora vivendo – era di là da venire. E’ accaduto poi che il tema dell’’economia reale (ri)guadagnasse posizioni nell’agenda politica di tutti i paesi dell’Occidente industrializzato.

Dovendo concludere in una parola possiamo dire che la Germania – il “capitalismo renano”, se preferite – è tornato a rappresentare i modello a cui guardare: un modello, per di più, che dal principio degli anni Duemila ha saputo riformare se stesso laddove i tempi nuovi lo richiedevano. Ebbene, stabilire paralleli tra paesi, ma anche tra regioni, non è mai semplice…. Ciò nondimeno, nel nostro Paese si è soliti ricordare come quella italiana si ala seconda manifattura d’Europa (dopo appunto quella tedesca). Lungo la stessa linea possiamo ricordare come l’Emilia-Romagna, assieme ad altre 4 regioni italiane, faccia parte del ristretto novero delle 18principali regioni manifatturiere d’Europa.

A queste utili comparazioni occorre però far seguire la discussione sulle riforme necessarie e possibili – il passo che oggi manca – per avvicinarsi il più possibile al “capitalismo renano” e, volendo, all’”economia sociale di mercato”, se si ritiene questo il modello di riferimento. E nel fare ciò occorre tenere conto delle simmetrie/asimmetrie che esistono tra Italia e Germania”